notizie

Che cosa è successo con fari a scomparsa? (II): Tipi di fari

Continuiamo con la speciale i fari a scomparsa. Dopo aver ascoltato i primi modelli da utilizzare, oggi parleremo dei tipi di fari che sono stati utilizzati di più e vedere il video esempi di come trasformato. Queste luci possono essere progettati in molti modi, non vi era alcuna standardizzazione e ogni produttore potrebbe utilizzare molto diversi disegni e tecniche.

proiettori occultabili sono stati variati nella loro progettazione e il funzionamento, ogni modello ha la propria visione e alcuni hanno meccanismi di stupefacenti per piegare ed aprire i fari. La maggior parte di noi sono appena venuta in mente uno o due tipi di proiettori nascosti, il più largamente usato. Tuttavia potremmo dividere i fari in quattro gruppi a seconda di quale meccanismo.

fari a scomparsa

È il tipo di proiettore più famoso e diffuso di tutti. Il faro è nascosto all'interno il cappuccio o pinne. Quando sono necessarie le luci emergono "magicamente" dall'interno del veicolo. E 'il più utilizzato negli sport e possono essere due o quattro proiettori che sono nascosti. Alcuni esempi di questo sono il BMW M1 (1979), Mazda MX-5 NA o la mitica Kitt, il "Supercar".

Vediamo un breve video di come i fari si spostano di un Mazda MX-5 Di prima generazione:

esterno rotante

Questo tipo di proiettore Si è esposto in ogni momento. Quando non è necessario utilizzare questo rimane sulla superficie del cofano, visibile ma adattato alla silhouette del corpo. Alcuni esempi di utilizzo di questo tipo di proiettore sono in Porsche 928 e Lamborghini Miura.

Potete vedere di seguito un video di come riposiziona i fari di una Porsche 928 e come è esteticamente.

Invisibles

Negli altri due tipi di proiettori nascosti che vediamo o intuiamo la superficie dove si trovano i fari. In questo tipo proiettori sono quasi invisibile nella silhouette del veicolo Sono molto ben nascosti mimetizzarsi con il resto del corpo, comopor ejemplodentro la griglia anteriore come nel Dodge Charger 1966.

Si noti come l'estetica Caricabatterie sembrano essere in grado di cambiare è fisso sia nascosto e mostrato quando i fari.

Semi-nascosto

A differenza di altri tipi di questi sono a metà strada tra visibile e nascondere essere. La metà superiore del faro è riparata dalla cappa una visiera mentre la metà inferiore è esposto sempre. Quando l'uso delle luci è il "picco" piega verso il basso, come nel Alfa Romeo Montreal (1970-1977) - o verso l'alto, come nel Bertone BMW Spicup (1969) - fari essere completamente scoperti.

Dicono di avere una "sguardo triste"Gli amanti irriducibili ma hanno anche questo tipo di fari a scomparsa. Nel seguente video possiamo vedere come i fari sono scoprire un Alfa Romeo Montreal e come nascondere nuovo mezzo.

Ci sono anche casi curiosi come Cizeta Moroder V16, nella foto che si dirige questo articolo. Invece di avere a disposizione una coppia quattro fari a scomparsa. Forse l'intenzione del progettista è stato quello di essere due volte esclusivo però io personalmente penso che il cofano è luci troppo pesanti.

il Aston Martin Bulldog la cava in termini di esotismo. In questo modello i fari rimaste all'interno del corpo del veicolo nel centro della cappa, quest'ultimo essendo l'affondamento verso l'interno per lasciare visibile una fila di cinque lampade. In questo caso i fari rimangono immobili in ogni momento.

Ma proiettori occultabili non sono esclusivi per le auto, c'era anche moto -come fionda Spacy 125 Stryker (1983-1986) e Suzuki GSX750S Katana (1984-1985) - e treni che ha preso questo particolare modo di nascondere i fari.

Che tipo di luce occultabile preferisci? Cosa veicolo che si prende in amore?

Domani abbiamo completato la speciale che spiega la ragioni della scomparsa di proiettori occultabili e parlare se tale sia possibile o fattibile fari oggi

indice dei capitoli:

  • Che cosa è successo con fari a scomparsa? (I): introduzione, prima apparizione e boma
  • Che cosa è successo con fari a scomparsa? (II): Tipi di fari
  • Che cosa è successo con fari a scomparsa? (III): scomparsa e redditività corrente